Domini di secondo livello: Come si integrano in un sito Altervista?

Salve, ho acquistato in data 20/04/2017 un dominio di secondo livello > modenaedintorni.com per il mio sito modenadintorni.altervista.org Di seguito vi pongo alcune domande: 1) Come faccio a mascherare il dominio > modenadintorni.altervista.org con quello acquistato > modenaedintorni.com (ho…

Autocad 2016: problemi per tracciare una semplice linea

Salve a tutti!
Ho installato Autocad 2016 con le nuove funzioni, ma ho un problema con il comando "linea". Praticamente, volevo tracciare una semplice linea a partire da un punto già conosciuto nel disegno, ma quando clicco "linea", il cursore va a scatti e non trova il punto che voglio, come per esempio il punto di intersezione tra due linee perpendicolari già disegnate in precedenza. Come faccio a risolvere questo problema?
Ringrazio in anticipo 🙂

Mi servirebbe un chiarimento sulla All in plus edition 2014

Buongiorno! Sono nuovo nel forum e spero di aver scritto nel posto giusto. Avrei una domanda: ho attivato la promozione All in plus edition 2014 il 22 luglio 2015 con metodo di rinnovo tramite carta di credito (quindi l’ho pagata 8 euro al mese e mi si sono raddoppiati minuti e messaggi). Ho letto molto riguardo alle rimodulazioni e volevo chiedervi se la mia promozione sarà soggetta a rimodulazione oppure no. Al tre store non mi sanno aiutare, dicendomi di rivolgermi al 133, e se chiamo il numero non mi sanno aiutare dicendomi di rivolgermi a un tre store. Aspetto risposta! (Grazie in anticipo)

Therion bf dna 75 “check atomizer”

Ciao, spero di essere nella sezione giusta per esporre questo inconveniente
Sulla box therion riscontro un problema di circuito alquanto strano, ovvero succede che al’inserimento della batteria subito sotto il pulsante fire si illumina di verde il led, poi montando l’atomizzatore e premendo sempre il pulsante appare la scritta "check atomizer" ed il led diventa rosso, inoltre il display del circuito sfarfalla alla pressione del pulsante………..
per onestà questa box mi è caduta giorni fa, però poi ha funzionato bene fino quando ieri che si è presentato il problema descritto.
Ho provato gli stessi atom che montavo sulla box incriminata su un’altra therion che ho, ma sull’atra funzionano correttamente quindi il problema sta nella box o nel dna.
Ho provato a smontarla, ma non ho notato fili staccati quindi non sò che pesci pigliare:confusion::confusion:

Moser anni ’80 – quale diametro reggisella?

Ho recuperato questo telaio corsa Moser dei primi anni 80 (anteriore al 1984). Non è di altissima gamma. Qualcuno sa il diametro del reggisella che mi devo procurare?

Ho in casa un 27,2 ed un 26,8 ma sono entrambi troppo grossi.

Ho provato a misurare col calibro il diametro interno del tubo piantone, ma non ottengo risultati uniformi ed attendibili. Trattandosi di decimi di millimetro, non sono sicuro se ci va il 26,6 o il 26,4. O magari il 26,2…

Qualcuno può aiutarmi?

Chi arricchiscono quelli che definisco i nuovi schiavi raccoglitori di pomodori?

Tra poche settimane o mesi inizieranno le campagne di raccolta dei pomodori e ho sentito dire che i pomodori vengono raccolti dai braccianti agricoli extracomunitari a circa 3 Euro l’ora.

E’ mia opinione che fino a qualche anno fa li raccogliessero tutti gli italiani, probabilmente con paghe superiori a 3 Euro l’ora, i pomodori sotto il sole anche a 40 gradi C.

E’ mia opinione che ci siano ancora italiani che negli ultimi anni si adattano a raccogliere pomodori a 3 euro l’ora sotto il sole a 40 gradi C.

E’ mia opinione che, a parità di costi, molti imprenditori agricoli preferiscano utilizzare quelli che considero i nuovi schiavi extracomunitari importati anche per raccogliere pomodori a 3 euro l’ora sotto il sole a 40 gradi C.

E’ mia opinione che ci siano molti imprenditori agricoli italiani che negli ultimi anni stanno traendo un notevole surplus di guadagno che investono soltanto per le proprie persone procurandosi sicurezze economiche all’estero perché sarano forse affaristi e schiavisti ma mica saranno scemi e penso capiscano che l’avvvitamento al ribasso della concorrenza su tutti i fronti economici globalizzati prima o poi potrebbe spazzare via anche loro e buona parte dell’economia italiana e degli italiani, non solo i braccianti agricoli italiani.

Le Pen o Macron ?

Per chi votereste al ballottaggio? Le Pen o Macron ?

diciamo che per chi favoleggia l’euro e il suo contorno liberista la risposta è scontata e semplice ed è Macron con le sue ricette neoliberiste.

Invece non sufficentemente semplice e scontata è la risposta

per chi favoleggia l’euro pur non condividendone il contorno troppo liberista.

E neppure per chi si è sempre mostrato ostile all’euro e a tutto ciò che gli è di contorno, ma nel contempo non accetta di buon grado il liberismo darwinista,neofascistico e xenefobo che in La Pen ha una degna interprete.

Cambiare piano internet in abbonamento

Buongiono,
vorrei capire se c’è modo per chiedere un cambio di piano internet in abbonamento…

Ho ancora il vecchio piano Web Night (15eur/mese), per inerzia non l’ho ancora cambiato, adesso non esiste più e al suo posto è subentrato il Super Internet 8GB Plus (10eur/mese). A livello di condizioni mi pare non cambi nulla però risparmierei 5eur/mese che non sono pochi…

Posso chiedere il cambio piano? come si fa, si può da internet? ha un costo?
Vorrei evitare la trafila di MNP... che comunque richiede carte per un nuovo contratto e almeno 5eur per nuova sim…

GRAZIE

Android Wear – Agenda orologio

Salve,

Ho un problema con la funzione Agenda di Android Wear sul mio smartwatch.

Quello che succede è che mi dice perennemente "Nessun evento", anche quando in realtà ci sono eventi nella stessa giornata.

Avete informazioni su come risolvere questa situazione?
Qualcuno ne ha già avuto l’esperienza?

Cercando su internet ho trovato che il problema è abbastanza diffuso su varie marche di smartwatch con Android Wear, e le varie soluzione trovate purtroppo non hanno funzionato.
Anche le soluzioni che mi sono state proposte dall’assistenza Google non hanno risolto questo comportamento anomalo.

Grazie a tutti per l’aiuto.

[MINI TR] LE TRE PORTE

Sabato 15 aprile ore 15.35 mi chiamano dal call center Alitalia "Buongiorno Mr. F il suo volo per domani è schedulato ma per un cambio macchina partirà con un ora e trentacinque minuti di ritardo, ci scusiamo per il disagio. Grazie e buona pasqua.

Domenica 16 aprile il mio volo schedulato per le 8.25 partirà alle 9.55 pertanto arrivo in aeroporto alle ore 08.10, le strade sono vuote e anche se abito dal lato opposto di Linate arrivo in meno di trenta minuti. Nonostante sia il giorno di pasqua l’aeroporto è bello pienotto, avendo già fatto il check-in on line la sera precedente impiego cinque minuti cinque per il controllo sicurezza, decido di prendere qualcosa per colazione al bar Motta, il tempo di mettermi in coda che parte l’annuncio… "il Signor F. è pregato di recarsi all’uscita 4 per informazioni"…. e immediatamente tra me e me parte un bel "ma por*a di quella pu****a sta a vedere che mi hanno cancellato il volo….
Mi reco all’uscita 4 e l’addetta all’imbarco mi informa che il volo partirà…. anche se in ritardo e dato che a bordo saremo solo in due ( io e un altro ragazzo) ci viene offerto un buono colazione da utilizzare in qualsiasi bar della zona partenze dell’aeroporto

ritorno al bar Motta e mi faccio cornetto e caffè (no grappa oggi…. è un po prestino)

ritorno all’uscita 4 fra poco imbarchiamo

ovviamente utilizzeremo il solito bus interpista, oggi la fauna è praticamente monocolore

per la data odierna doveva essere schedulato un altro aeromobile che però la sera prima ha avuto dei problemi tecnici pertanto l’unico aeromobile disponibile è partito questa mattina come ferry da Ginevra con equipaggio e macchina Etihad Regional (saab 2000) fino a Trieste, poi da Tieste a Linate come regolare volo di linea AZ, nuova rotazione di linea sempre AZ Da Linate a Trieste (il mio) e infine da Trieste a Ginevra nuovamente come ferry. Durata del volo 45 minuti.

eccoci arrivati

veniamo accolti da hostess che oggi però non veste Etihad Regional, ma Etihad

prendo il posto 1F, ecco qualche foto della cabina

momento vintage

aspettiamo che ci diano l’ok per partire

finalmente ci muoviamo e nell’attesa che si decolli do un’occhiata alle riviste di bordo (oggi la casa offre Ulisse ed Evolution)

flotta Etihad Regional

momento sicurezza

ci avviciniamo alla pista

arriva un 738 KLM

è il nostro turno

ciao Linate

in quota arriva lo snack

lago di Garda sotto di noi

galley

il volo continua

inizia la discesa

signore e signori benvenuti a Ronchi dei Legionari

qualche dettaglio della cabina di pilotaggio

un volo perfetto, non rumoroso, tranquillo e veloce. GRAZIE SAAB 2000

in venti minuti di taxi eccomi arrivato. qui mi fermerò qualche ora prima di ritornare a Milano

la prima porta. Porta Aquileia

la seconda porta. Porta Cividale

la terza porta. Porta Udine

antico acquedotto

e infine Piazza Grande

MINI TR FINITO

Arte contemporanea: 100 anni di misere provocazioni

Salve a tutti!
Casualmente mi sono imbattuto in questo articolo che pone l’accento su una riflessione di quello che è stata gran parte dell’arte contemporanea concepita e fatta come una provocazione sempre più smisurata.

https://www.google.it/url?sa=t&sourc…xmGGeS5CAqWM4A

Arte contemporanea: 100 anni di misere provocazioni
24/02/2017 Redazione Arte
Condividi: Facebook Twitter Google+ Pinterest Segnala via mail
Il buco con la mente intorno: così può essere definita l’arte contemporanea, quella concettuale, quella hard, quella che guardiamo senza capire, e dentro ci diciamo “potevo farla anche io”, quella che necessita di tante astruse parole per essere spiegata, e non bastano più gli occhi per ammirarla. Eppure questa arte dell’insensatezza, della provocazione, spesso dell’orrore, ha una sua storia e cause che andrebbero conosciute sia da quelli che imperterriti la adorano, sia da quelli che vorrebSchermata 2017-02-21 alle 12.32.14bero proteggersi dal brutto ad essa connaturato. Una storia che inizia giusto un secolo fa, nell’aprile del 1917, con l’orinatoio di Duchamp e prosegue tra merde d’artista, deiezioni ed escrementi vari, water d’oro fino al 2016: una festante coprofilia che lascia alquanto perplessi e di cui Angelo Crespi “celebra” l’anniversario nel suo nuovo libro “100 anni di arte immonda” in edicola in questi giorni (fino a giovedì 2 marzo) in allegato al Giornale.

La storia è presto detta: da Duchamp, passando per la ***** d’artista di Manzoni, fino al water d’oro di Cattelan esposto a New York nel 2016, l’indagine dell’artista contemporaneo sulla ***** è assai intensa: il belga Wim Delvoye nel 2003 ha proposto una macchina per produrre escrementi al museo Pecci di
Prato (da poco riammodernato in forma di astronave): la Turbo Cloaca è un gigantesco macchinario che Daniel
Soutif, allora direttore, spiegava essere «una grande metafora,
una macchina pessimistica, una sorta di visione dell’inferno contemporaneo, in un mondo che ingurgita tutto e produce disordine, escremento, entropia. Una forma di riflessione profonda sull’umanità di oggi, sulla tecnologia e sui danni che produce». Il marchingegno esiste anche in un formato casalingo, la “Mini Cloaca”, delle dimensioni di una lavatrice che ognuno può tenersi ben esposta nel tinello. Tanto per dire, Delvoye è l’artista che tatua i maiali vivi e che al Louvre ha esposto un’ardita costruzione metallica dalla forma fallica, titolandola per togliere qualsiasi sospetto, “Suppo”, da suppository (supposta).

angelo crespi A sua volta, nel 2008, Andres Serrano provocava i sensi con una serie di fotografie, raccolte nella mostra “Shit”, che rappresentano escrementi di vari animali, ma scattate, giurano i critici, con abilità tecnica sopraffina e delizioso senso dell’umorismo. Alla Biennale di scultura di Carrara 2010 Paul McCarthy aveva esposto una cagata in travertino (un paio di metri per quindici tonnellate di escrementi lapidei) per “combattere il capitalismo”. Sempre McCarthy nel 2013 realizzava ad Hong Kong una serie di ******* giganti gonfiabili, alti una decina di metri. Ancora nel 2010 lo scultore cinese Zhu Cheng ha plasmato una copia della Venere di Milo in escrementi di panda; esposta sotto teca, l’opera è stata venduta a ignoto collezionista svizzero alla modica cifra di 50 mila euro. Modica spesa rispetto a “The Holy Virgin Mary”, una rappresentazione della vergine Maria fatta nel 1996 dall’anglo nigeriano Chris Ofili (Turner Prize 1998) usando oltre a un collage di immagini pornografiche anche sterco di elefante, che nel 2015 Christie’s ha battuto all’asta per 2,9 milioni di dollari.

L’anno dopo a Zurigo in occasione di Manifesta, una delle rassegne più cool del mondo, l’artista americano-tedesco Mike Buchet ha proposto in una sala sigillata 80mila chilogrammi di feci umane, ben squadrate in blocchi marroni, l’equivalente della produzione giornaliera degli abitanti della cittadina elvetica (Nb ai visitatori veniva messo a disposizione del deodorante). Ma già nel 1996 Marc Quin aveva sorpreso i paganti con le sculture “Shit Head” e con i dipinti “Shit Painting”, entrambi fatti con escrementi dello stesso artista. In conclusione, neppure la furbata di Maurizietto Cattelan di titolare “Shit and die” una mostra a Torino nel 2014, è sembrata disdicevole ai più, anzi salutata come un tocco di sano anti conformismo.

Sono però solo alcuni esempi di una interminabile serie di provocazioni scatologiche che dagli anni Sessanta arrivano a oggi. Scrive Jean Clair: «Mai l’opera d’arte è stata così cinica e ha così amato sfiorare la scatologia, la lordura e l’oscenità. E mai – fatto ancor più sconcertante – quest’opera è stata così prediletta dalle istituzioni, come ai bei tempi dell’arte di regime. Più inquietante della loro realizzazione è l’accoglienza riservata a tali opere. Direttori di musei, responsabili di grandi manifestazioni internazionali, critici di riviste e rotocalchi, tutto un establishment del gusto pare applaudire quest’arte dell’abiezione».

La risposta che spieghi tanta ostinata e osannata coproscopia non è facile, e sfocia nel filosofico, talvolta con esiti sublimi come quando il celebrato maître à penser marxista lacaniano Slavoj Žižek elabora una contortissima teoria: «Ricorrere agli escrementi testimonia l’ultimo disperato stratagemma di assicurare che il Luogo (Sacro) c’è ancora […]; L’unico modo per mantenere il Luogo (Sacro) sia di riempirlo di rifiuti e di escrementi […]; Gli artisti contemporanei che espongono escrementi come oggetti d’arte in realtà si sforzano disperatamente di salvare la logica della sublimazione».

Più in generale, il sovvertimento dei valori estetici e di quelli etici, l’ossessione del corpo come unico metro di giudizio, l’esplosione della pornografia, la fine della civiltà, anzi la negazione della civiltà (che dovrebbe pur sempre essere repressione degli istinti più animali), lo svilimento di ogni altra produzione umana che miri alla bellezza e al senso, la mancanza di trascendenza, la morte di Dio sono concause di un sistema di orrore per cui l’arte non salva più dal male, semmai lo preannuncia osannante, l’arte non è più composizione dell’informato, kosmos, bensì esaltazione del caos, l’arte non è più essere, ma nulla.

Assieme con origine posizionata mooolto lontano.

Salve,

ho un piccolo problema, ovvero ho un assieme creato con altro cad 3d e le origini sono posizionate molto lontano e quando lo ruoto mi
sparisce dalla finestra e mi tocca ricentrarlo cliccando sulla casina oppure su ZOOM TUTTO,

C’è la possibilità di riposizionare le origini ?

Grazie

consigli acquisto retroescavatore

Salve a tutti,sto costruendo casa,e devo finire di fare alcuni lavoretti tipo scavi per tubi acqua,sistemare giardino esterno e alcuni lavori nei campi..sarei intenzionato ad acquistare un retroescavatore usato,io ho un trattore goldoni star 3070,volevo un consiglio magari di chi possiede un trattore simile al mio su che tipo di retoescvatore cercare,piu che altro per il peso per lavorare in sicurezza….premetto che un miniescavatore non me lo posso permettere e noleggiarlo non riesco perche lavorando ho poco tempo libero…grazie a chi sapra rispondermi…

Interruttore su rete telefonica

Salve ragazzi. Come al solito apro questo thread perchè ho bisogno di voi :asd:

Per motivi che ora non vi sto a raccontare, vorrei poter abilitare e disabilitare la rete telefonica a piacimento. Anzichè rimuovere la cornetta o scollegare il cavo con il doppino telefonico, mi è venuta l’idea di inserire uno (o due?) interruttori lungo il doppino telefonico.
Per farmi capire meglio:

Nell’immagine ho inserito l’interruttore a bilanciere solamente su uno dei due cavi di rame che compongono il cosìdetto "doppino" (non fate caso al colore, è solo per distinguerli).

Ora le domande:
1) Sto facendo una stupidaggine?
2) La logica mi suggerisce che basterebbe interrompere il circuito in un solo punto. Va bene o dovrei aggiungere un secondo interruttore sull’altro cavo di rame?
3) Aprendo e chiudendo il circuito a piacimento, mi comporterebbe dei problemi sulla linea o sull’apparecchio telefonico?
Ovviamente aprirei e chiuderei il circuito solamente due volte al giorno, non starei lì a giocare :asd:
Ah, la linea telefonica è una "classica", senza alcun abbonamento ad Internet nè altri dispositivi telefonici. Una cassetta per un telefono.

Un grazie anticipato a chiunque perderà tempo a leggere i miei deliri :asd:

Scegli 20… quali opzioni posso attivare?

Salve a tutti, sono cliente tre da anni e mi son trovato sempre bene, perciò a dicembre 2015 ho sottoscritto una scegli 20 con all-in 800, la mia idea originale era quella di sottoscrivere all-in 400 e super internet ma in negozio mi è stato detto che non era possibile, purtroppo ho scoperto che lo era troppo tardi. Ora mi trovo nel 2017 con 500mb di internet a settimana e 25-30 euro di ricarica al mese perché non ricevo nessun messaggio quando esaurisco la soglia, perciò sforo e pago. Vorrei un consiglio da voi, come posso modificare le mie opzioni e sopratutto cosa posso attivare? A me basterebbe avere almeno 1gb a settimana, minuti almeno 400 e qualche sms ma davvero pochi. Sono vincolato per un anno con loro, ed inoltre per un altro anno rimarrei in tre perché riceverò indietro L’anticipo(150 euro).

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk