Nostalgia canaglia. Aggiunta ricettina

Clicca sull'immagine per ingrandirla.*  Nome:   IMG-20170517-WA0008.jpg* Visite: 1* Dimensione: 47.5 KB* ID: 2912671 Quando ero piccola spesso in tavola la domenica era presente il finto pesce che veniva servito come antipasto assieme a dei crostini.
Presa dalla nostalgia del tempo che fu, l’ho rifatto dopo tanto tempo. In fondo è veloce da fare ed ha riscosso successo.
L’ho modellato a mano alla meno peggio e la decorazione è stata eseguita frettolosamente, ma tutto sommato per la nostra cenetta in famiglia, non ha sfigurato…

Come mia mamma, ho fatto a memoria e ad occhio.

Ho utilizzato:
– circa 400 g di patate lesse schiacciate
– il contenuto di un barattolo di tonno sottolio (sgocciolato, of course) che mi ricordo era di oltre 400 g non ancora sgocciolato
– un bel ciuffo di prezzemolo, gambi teneri inclusi
– una bella manciata di capperi sottosale ben sciacquati
– una forchettata di alici sottolio
– due cucchiai (mi pare) di maionese, mescolata con yogurt greco
– zeste di un limone bio e relativo succo
– cetriolini sottaceto, oltre a quelli usati per decorare ….forse cinque grossetti (boh?).

Ho mescolato le patate schiacciate con gli altri ingredienti, prima frullati tutti insieme.
Ho versato nel piatto, modellato e decorato. Ho coperto il vassoio con una teglia di pirex e l’ho tenuto in frigo fino al momento di servire.
Semplicissimo!
Lo stampo nemmeno mi ricordo in quale anfratto si trova in letargo; cercandolo, mi era saltato all’occhio un carinissimo stampo a delfino (mai usato) e uno a casetta, ma li ho rimessi a dormire.

Related Post

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *